blogo, informazione indipendente
Logo Blogosfere

Elezioni in Francia: urge uno Sbarco in Normandia del Labour inglese

Martedì 24 Aprile 2012, 12:47 in Esteri di

Elezioni in Francia: miserie della stampa italiana, e francese. La questione è Marine Le Pen, scoprono ora, e si accorgono che Hollande provocherebbe quasi più danni di Sarkozy. La soluzione? C'è.

Immagine di anteprima per sarkozy.jpg
Era facile capire che l'ago della bilancia delle elezioni francesi sarebbe stata la destra di Marine Le Pen, più che la gauche caviar o il socialismo champagne di Hollande. Lo stesso errore è stato commesso dalla stampa francese, che come quella italiana è legata a gruppi di interesse politico economico.

Eppure su questo blog erano state dette le cose giuste: che cioé nessuno dei candidati era decente, e che Le Pen avrebbe costretto sotto il giogo Sarkozy.

Leggo oggi su Le Monde che l'effetto presidenziali avrà una ricaduta non minore sulle legislative di giugno. Infatti il FN supera il 25% dei voti in 59 cricoscrizioni e supera il 30% in altre 3. Il Front National è il secondo partito in 93 circoscrizioni e in pratica diventa la seconda forza politica in Francia, sempre secondo i dati di Le Monde.
Siamo ben lontani dalla "facile vittoria" di Hollande profetizzata da Repubblica o Il Corriere della Sera: Hollande ha vinto come Pirro, ottenendo per giunta una certificazione di politica sbagliata dalle Borse di tutta Europa.

Perché anche Hollande era un incompetente politico tanto quanto gli altri suoi contendenti?
Perché le sue ricette erano dilettantesche e pericolose per l'economia. Un cattivo politico promette mari e monti (in Italia invece ci sono Monti e Tremonti), ma così facendo offrirà brioches al popolo in tempo di carestia, mentre bastava dare del pane e soprattutto creare le condizioni per la fine della carestia. Cosa impossibile con le politiche seguite dagli stati europei continentali.
Per giunta, immaginare un'uscita della Francia dal nucleare, anche se potrebbe farci piacere (adesso toccano a noi le possibili radiazioni, mentre i francesi hanno almeno una bolletta elettrica decisamente meno costosa) butterebbe al lastrico l'economia. Al di là delle Belle Intenzioni, un politico ha l'obbligo della concretezza. Io vorrei una settimana di 20 ore lavorative, ma come farla, se poi in Cina si lavora per 360 giorni all'anno, domeniche incluse? Come farla se il costo di un operaio nel Marocco è di 250 euro (che per lui sono oro)? Come farla se non ci sono lavoratori giovani per pagare i pensionati?

La verità è che il socialismo/nazionalismo europeo non è mai uscito dal binomio fascismo/bolscevismo: lo Stato sopra di tutto come un re, e il cittadino (esaltato a parole) visto come suddito.
Lo Stato come capitalista-monopolista.
In Europa gli imprenditori non sono considerati dei cittadini, ma dei ladri e dei nemici a prescindere. Il che diventa purtroppo vero, in un sistema in cui l'impresa è asservita a burocrazia, iperlegislazione e potere: la cattiva politica ha bisogno non di libere imprese ma di grandi monopolisti, possibilmente corrotti.
Nessuno in Europa pensa che lo Stato dovrebbe soltanto ed esclusivamente  esercitare la funzione di controllore e garante (cosa utilissima che non fa mai, tanto che si fa supplire dalla magistratura). Nessuno pensa che i cittadini dovrebbero essere davvero liberi di fare impresa, senza pastoie e senza dover finanziare i burocrati e i parassiti.
Questo sarebbe non solo liberalismo autentico, ma anche socialismo autentico.
Invece restiamo nazional-socialisti, e tra Sarkozy-Le Pen e Hollande-gauche caviar ci sono solo poche differenze sostanziali, al di là delle posizioni indecenti sui diritti civili della destra lepenista (ma anche l'estrema sinistra francese è razzista, pur se non lo dice).
Nessuna soluzione?
Si, il laburismo inglese, pur tra mille errori, non è di ostacolo allo sviluppo, e ha dimostrato di poter svolgere una funzione politica positiva, in diverse occasioni e con diversi leader.
Attendo con ansia di vedere lo Sbarco in Normandia del Labour inglese.
Attendo con ansia lo Sbarco in Sicilia del "labour" di Obama.
Attendo con ansia che per il 25 aprile in Italia ci sia una vera presa del potere da parte della popolazione. Una Liberazione vera, autentica, compiuta e rinnovata.

0

Seguici

Iscriviti ai nostri feed rss. Leggi in tempo reale tutti i post pubblicati dal blogger!

Post in evidenza su Blogosfere